• Check-in

  • N.ro notti

  • Adulti

  • Bambini

Torna a: Territorio

Santorini è una di quelle destinazioni da visitare assolutamente almeno una volta nella vita.

Cosa fare a Santorini

Avvolta in un magico e misterioso fascino, Santorini è un posto stupendo ricco di meraviglie, naturali e non, che vi conquisterà con il suo charme: magnifiche spiagge affacciate su un mare tra i più belli del mondo, straordinari tramonti, ottima cucina e paesaggi mozzafiato.

Ecco qualche consiglio su cosa fare a Santorini, le esperienze da non perdere per vivere pienamente la sua magica atmosfera.

Innanzitutto, durante una vacanza a Santorini non può mancare la visita alle spiagge più belle e famose, le quali sono tutte uniche e diverse tra loro per via dell'origine vulcanica dell'isola. Oltre a visitare le spiagge più conosciute come Red Beach, White Beach e Kamari Beach, il consiglio è di cercare le spiagge più remote come: la spiaggia di Vlychada, una distesa di sabbia nera circondata da alte scogliere di tufo e un paesaggio lunare; o la spiaggia Koloumbos, immersa in uno straordinario scenario naturale, ideale per coloro che sono alla ricerca di un posto tranquillo.

Inoltre, il mare di Santorini è l'ideale per divertirsi con fantastiche immersioni subacquee e snorkeling, alla scoperta di bellissimi fondali ricchi di vita.

L’isola è famosa per la bellezza delle sue spiagge ma anche per i meravigliosi tramonti, infatti, tra le tante cose da fare fermarsi ad ammirare il crepuscolo è una di queste. I giochi di luce che, alla sera, avvolgono l'isola lasciano senza parole turisti e abitanti. Uno dei luoghi più spettacolari per vedere il tramonto è il villaggio di Oia, da cui il sole cala dietro o di fianco all’isola di Folegandros, che viene letteralmente inghiottita dalla luce. Il miglior punto d'osservazione è il kastro, la zona più alta della cittadina dove si trovano i ruderi di un vecchio castello veneziano.

Oltre che dal villaggio di Oia si può godere di un meraviglioso tramonto anche dal capoluogo Fira, da Imerovigli, da Pyrgos e dal faro di Akrotiri, dove si può ammirare uno dei più romantici e solitari tramonti dell'isola.

Ad Akrotiri, si ha inoltre la possibilità di visitare gli insediamenti della civiltà sommersa dalla esplosiva eruzione del 1.500 a.c., che si ritiene abbia causato una nube visibile in tutti i continenti e che abbia persino causato le piaghe di Egitto, portando al declino di molte comunità del Mediterraneo. 

Pertinente al tema delle eruzioni preistoriche, va menzionata l'esperienza dello spettacolo di simulazione tridimensionale con effetti speciali presso il parco "Lost Atlantis" nel villaggio di Megolochori

Un’altra cosa assolutamente da fare a Santorini è l’escursione in barca alle isole di Nea Kameni, Palea Kameni e Thirassia, un’esperienza davvero unica che lascia a bocca aperta i partecipanti.

Grazie alle numerose agenzie turistiche presenti potrete prenotare il vostro tour, con partenza da Fira o da Oia, che vi porterà alla scoperta di queste piccole isole ancora oggi interessate dall’attività vulcanica. La prima tappa dell'escursione è l'isola vulcanica di Nea Kameni, dove attraversando un caratteristico sentiero si può arrivare in cima, fino al cratere Georgios. Dopo aver ammirato il cratere, si prosegue in barca fino all'isola vulcanica di Palea Kameni, dove si può godere di tutti i benefici degli Hot Springs, le sorgenti d’acqua sulfurea a temperature elevate. Infine, si raggiunge l'isola di Thirassia, dove merita una visita il paesino di Manolas, noto per le stradine tortuose e le case in stile tradizionale.

Per gli amanti del Trekking, la costa occidentale dell'isola è perfetta per interessanti escursioni lungo strade e sentieri.

Infine, non lasciate l’isola senza aver provato la cucina locale, la quale ha una tradizione antichissima e si basa essenzialmente su prodotti mediterranei tipici come olio d’oliva, verdure, carne e dell’ottimo pesce. Non perdete l’occasione di provare: la famosa moussakà, un delizioso pasticcio di melanzane, patate e carne a strati, conditi con ragù di carne e besciamella; il saganaki, formaggio fritto in pastella condito con miele; le domatokeftedes, gustose polpette di pomodoro aromatizzate con menta e origano; e i mezedes, antipasti a base di sottaceti, acciughe e dolmades (cioè involtini di riso o di carne tritata). Il tutto accompagnato da un bicchiere di vino di Santorini, considerato il miglior vino della Grecia. E a proposito di vino non mancano tour dedicati alla scoperta delle cantine in giro per l’isola.

Scopri di più

Sul territorio di Oia-Santorini

Testimonials

Cosa dice di noi chi ha soggiornato prima di te...